I nostri siti:

home > case studies >

Polo Orafo
Polo Orafo

Nell’ambito delle attività per il recupero del patrimonio immobiliare di proprietà del comune di Napoli, primaria importanza riveste l’intervento per la riqualificazione del cosiddetto Borgo degli Orefici nella zona a ovest del centro antico in prossimità della storica piazza Mercato.


In questo ambito l’Amministrazione ha stanziato risorse per il restauro di un intero edificio e di alcuni locali a fronte strada di sua proprietà situati all’interno del borgo in cui sarà realizzato un “incubatore d’impresa” nel settore dell’artigianato orafo, al fine di promuovere processi di innovazione e di sviluppo sostenibile del territorio in un settore dell’artigianato napoletano che vanta una gloriosa tradizione.


La consistenza immobiliare su cui si realizza l’intervento consta di 25 unità immobiliari, di cui 17 locali commerciali a fronte strada e 8 unità immobiliari dislocate su 4 livelli. Tali unità sono inserite nella porzione di edificio che è parte del complesso Sant’Eligio, nelle immediate adiacenze della duecentesca chiesa di “Sant’Eligio”.


Il progetto elaborato e attuato da Romeo Gestioni prevede il restauro, il consolidamento strutturale e l’adeguamento funzionale del fabbricato.
Per offrire una sede adeguata per la valorizzazione e la promozione dell’artigianato campano nel campo orafo, i locali saranno dotati delle seguenti funzioni:

  • laboratori orafi;
  • spazi destinati a ricevere il pubblico;
  • aula-laboratorio;
  • sala conferenza/didattica (convegni, mostre e formazione didattica);
  • sala riunione;
  • locali tecnici;
  • locali destinati ai servizi igienici.

Allo standard funzionale deve nel contempo fare riscontro un ventaglio di servizi in grado di garantire un’elevata prestazione in termini funzionali e tecnologici.
Il progetto di Romeo Gestioni prevede oltre tutti i lavori di consolidamento statico, la ristrutturazione degli interni da un punto di vista strutturale ed impiantistico (sicurezza, climatizzazione, antincendio, ecc.).


In particolare sono stati previsti n. 20 laboratori di diverse dimensioni dove possono lavorare da uno a cinque operatori. Ogni unità laboratorio, oltre ad essere dotato di sistemi di sicurezza (infissi in legno blindati, doppia porta d’accesso, predisposizione cassaforte, allarme), ha un servizio igienico e degli elementi accessori specifici del settore quale il lavamani con filtro e lo zerbino vibrante.


In ogni caso Romeo Gestioni ha cercato di attuare un restauro e una valorizzazione degli elementi architettonici caratterizzanti presenti, nonché il ripristino degli elementi alterati, mediante:

  • la conservazione o il ripristino dell’impianto distributivo organizzativo proprio dell’unità edilizia interessata senza modificazione della posizione o delle quote;
  • la conservazione o il ripristino dei collegamenti verticali;
  • il restauro o il ripristino delle facciate esterne, con la conservazione delle aperture esistenti nel loro numero e nella loro forma, dimensione e posizione;
  • l’eliminazione delle superfetazioni intendendosi per esse ogni manufatto incongruo rispetto alle caratteristiche dell’impianto originario dell’unità edilizia e che non rivesta alcun interesse per la lettura filologica e per la definizione delle caratteristiche tipologiche dell’unità edilizia stessa;
  • l’inserimento o l’adeguamento di impianti tecnologici e igienico-sanitari e la realizzazione delle opere di sicurezza, nonché l’inserimento di elementi per il superamento delle barriere architettoniche.
Per tutti gli ambienti si prevede un intervento omogeneo e qualitativo di restauro e riqualificazione.
Per il restauro dell’intero complesso si sono scelti materiali idonei al centro storico:
  • gli infissi esterni sia del piano terra che dei piani superiori si propongono in legno;
  • la finitura esterna dei prospetti è a calce secondo la tradizione napoletana.